La continuità della relazione: dal bonding prenatale all’attaccamento postnatale


Buongiorno a tutti voi! 

Oggi ho deciso di introdurre un argomento molto importante e credo interessante relativo alla relazione genitore-bambino: il bonding prenatale e l'attaccamento postnatale.

Come indicato nel mio profilo, da alcuni anni sono Esperta in Psicopedagogia Prenatale (o, meglio, Psicologia e Educazione Prenatale) ANPEP. Non fate quella faccia...  adesso mi spiego!

Nel lontano 2002, girovagando in una libreria alla ricerca di qualche titolo interessante, trovai "L'alba dei sensi", un libro che prometteva di svelare le percezioni sensoriali del feto e del neonato. Non avevo la minima idea di cosa avrei trovato in quel libro ma proprio la mia mancanza di conoscenza dell'argomento mi spinse ad acquistare il libro. Mi è sempre piaciuto scoprire nuovi mondi!

Quello fu uno dei momenti di svolta della mia vita perchè acquistare e leggere quel libro mi aprì un universo sconosciuto: quello della vita prenatale.

Mi ricordo che ero assolutamente entusiasta di questa scoperta e per settimane non feci altro che leggere, studiare e documentarmi. Ero letteralmente rapita da quello che apprendevo e mi chiedevo come avessi potuto ignorare la realtà della vita prenatale fino a quel momento (in realtà mi chiedevo anche come fosse possibile aver studiato la psicologia dell'età evolutiva senza che i testi universitari facessero riferimento decorosamente alla realtà psichica del feto e alla relazione di attaccamento prenatale tra genitori e feto!).

Decisi che volevo saperne di più e contattai l'ANPEP - Associazione Nazionale di Psicologia e Educazione Prenatale per avere informazioni sui corsi di formazione per psicologi da loro proposti.
Dopo due anni avevo terminato il mio percorso di studio ed ero pronta a darmi da fare per mettere in pratica quello che avevo appreso.

Lavoravo già al Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo e nel 2005 proposi di organizzare un Convegno sul tema della continuità della "care" tra il prima e il dopo la nascita. Fu un'esperienza emozionante e davvero impegnativa ma ero orgogliosissima di essere riuscita a dare un inizio significativo a questo mio nuovo percorso professionale. Da lì nacquero i servizi del progetto "Le Radici e le Ali", dedicati alla gravidanza e alla "care" della neofamiglia fino ai tre anni di vita del bambino. Iniziai a confrontarmi anche con molte mamme nel web, attraverso i forum di GOL - GravidanzaOnLine, Mammeonline, Forumsalute... Un periodo incredibilmente fertile e produttivo.

Ho pensato di condividere con voi questo racconto personalissimo perchè ogni volta che mi metto a ricostruire quella fase della mia vita mi sento piena di gratitudine e la gratitudine è benefica e terapeutica, sempre.

Torniamo all'ANPEP: nel 2006 mi chiese di pubblicare un articolo su "Il Giornale di Psicologia e di Educazione Prenatale" (organo ufficiale dell'associazione del cui comitato scientifico ho iniziato a far parte alcuni anni dopo) sul tema dei "Legami nella vita nascente".

Vi propongo di leggerlo, sperando che possa accendere anche in voi la curiosità di scoprire qualcosa di più rispetto al mondo della vita prenatale: la vera matrice di ognuno di noi.

Buona lettura e, come sempre, sarò felice di ricevere i vostri feedback in merito! 

Maria Beatrice